mercoledì 18 febbraio 2009

Riflessioni bolognesi

Come molti di voi sanno, ormai sto passando più tempo a Bologna che a Milano per colpa di una serie infinita di corsi interni (ragàs... non seguivo così tante lezioni dai tempi dell'università!)... e anche adesso sono "in aula" ma approfitto di qualche problemino della demo per scrivere due righe! ;-)

Sfiga vuole che questi corsi siano sempre di martedì e giovedì... per cui no basket! E così per evitare che le abbondanti cene bolognesi mi facciano definitivamente scoppiare i bottoni di pantaloni e camicie ho deciso di frequentare la palestra dell'albergo... beh... ci sono andato due volte non che stia diventando un culturista... però ho capito una cosa: CHE PALLE!!!
Sarà che ho sempre preferito gli sport di squadra a quelli individuali (sempre che fare palestra si possa considerare sport...), sarà che è solo un ripiego, sarà quello che volete... ma dov'è il battersi il 5 per un canestro segnato? dove l'incazzatura per una palla persa? dove le culate sotto canestro per recuperare un rimbalzo? ma soprattutto: dov'è il "si vince" e "si perde" di squadra?

Boh... forse queste considerazioni mi vengono più facilmente adesso che sto per appendere le scarpe al chiodo, però mi andava di esternarle... senza voler finire in discorsi psicologici-sociologici-supercazzulogici.

Viva il basket!
Punto.

2 commenti:

valentina ha detto...

Enry...hai perfettamente ragione!!! Io, ho fatto l'errore del pilates...e sai benissimo com'è andata a finire!! :) perciò...w un pallone da rincorrere..sempre!!

Silvia ha detto...

Quanto hai ragione!!!
Io con la palestra ci ho provato l'anno scorso e ho resistito un mese (quello che avevo pagato) e credo proprio che non ci ritornero'.
Ciao ciao.